lunedì 31 dicembre 2007

L'ultimo post dell'anno e l'ultimo video;)

Questo sarà l'ultimo post del 2007 e come un presentatore desidero ringraziare tutti quelli che hanno letto il mio blog, commentato i miei post e i miei pensieri, anche criticandoli (le critiche sono sempre gradite;).
Grazie a tutti quelli che mi hanno aiutato a risolvere i problemi tecnici e a chi mi ha elargito utili consigli.
Grazie insomma a chi, come me, condivide i propri pensieri e le proprie idee in un modo oramai divenuto consueto ma per molti versi ancora avvenieristico proprio per la libertà che ancora propone, la rete.

E per salutarvi ed augurarvi una buona fine d'anno e un ancor più buono 2008 vi posto il video conclusivo dell'Ottavo Nano con l'indimenticabile Guzzanti;)

A presto!

video

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

venerdì 28 dicembre 2007

La posizione della Sinistra l'Arcobaleno sulle elezioni a Brescia

Il nuovo sito della Sinistra L'Arcobaleno a Brescia, ha ribadito ufficialmente la sua posizione per quanto riguarda le elezioni comunali che si terranno nel 2008.

Riporto qui il breve post:

Le forze di “La Sinistra, L’Arcobaleno” ribadiscono la necessità di far vivere appieno l’Unione anche a Brescia .
Unione oggi più forte grazie alle grandi novità di questi ultimi mesi, a partire proprio dalla nascita de “LA SINISTRA, L’ARCOBALENO”.
In questo modo si allargherà il consenso sociale in città, a cominciare dal prossimo appuntamento elettorale delle elezioni amministrative di Brescia (primavera 2008).
Per questo abbiamo lavorato e stiamo lavorando, in stretta collaborazione con i movimenti, le associazioni ed i singoli cittadini, alla definizione delle nostre proposte programmatiche.
Entro gennaio ci impegniamo ad individuare, attraverso forme vere di partecipazione, la candidata o il candidato da sottoporre alle elezioni primarie della coalizione.
Come “LA SINISTRA, L’ARCOBALENO” riteniamo strategico questo percorso partecipativo.
Qualora prevalgano assurde pregiudiziali concorreremo autonomamente, come nuovo soggetto politico, sia alle elezioni comunali che circoscrizionali.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

giovedì 27 dicembre 2007

E il 2007 é quasi finito...


E anche quest'anno é ormai agli sgoccioli, voglio quindi fare un breve riassunto degli eventi salienti che mi sono capitati quest'anno, per certi versi veramente unico.

- innanzitutto é stato l'anno in cui mi sono diplomato e conseguentemente ho iniziato il cammino universitario, i cui annessi e connessi hanno profondamente cambiato la mia vita (almeno il modo di condurla;)
- politicamente é stato l'anno della caduta e della ripresa: l'anno in cui i DS si sono sciolti ed é nato il Partito Democratico. Ma é stato anche l'anno delle elezioni, della mia candidatura e della sofferta sconfitta, anticipo di un disagio interno che sarebbe scoppiato a breve. Il primo anno dopo quasi quattro in cui mi sono sentito disorientato e indeciso politicamente, l'anno in cui si é tenuto il congresso provinciale della Sg qua a Desenzano e nel quale mi sono illuso che potessimo salvare quello che avevamo costruito. E poi, lo scioglimento della sezione, l'abbandono di tutti i compagni, la consapevolezza di essere rimasto solo e di non avere una valida alternativa, poi la speranza, il ritorno della voglia di fare politica, i primi accenni di un nuovo inizio...
- l'anno in cui ho preso la patente, infrangendo forse "l'ultima barriera" che mi separava dal mondo degli adulti.

Ci sono state tante altre cose e alcune superano in importanza quelle che ho scritto sopra (come la Franjis ;) ma a me interessava riportare quelle di maggiore rilievo per chi legge.

PS: se me ne sono dimenticata qualcuna ditemelo, la mia memoria non é più quella di un tempo!

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

lunedì 24 dicembre 2007

Buon Natale a tutti


Porgo a tutti i miei lettori, amici e nemici :D, i miei migliori auguri di un felice Natale.
Vi auguro di passarlo con i vostri cari, davanti ad una bella tavola, in casa come al ristorante, con un pensiero a chi purtroppo queste cose non le ha.

Speriamo che l'anno prossimo porti finalmente buonsenso in alcune persone, rispetto e tolleranza in altre e desiderio di pace in tutte.

Mi permetto di allegare i bellissimi auguri della Tenda nel Deserto, al quale faccio i miei, che esprimono un sentimento comune a molte persone.

Buon Natale quindi, auguri a tutti!

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

domenica 23 dicembre 2007

Ultima cena tra i compagni di un tempo

Si é svolta ieri sera la cena degli amici della festa de l'Unità alla Cascina del Ritrovo a S.Tommaso (Lonato).
Dopo una riflessione ho deciso di parteciparvi perché so che questa sarà l'ultima cena a vedere uniti tutti quelli che partecipavano a questo evento d'estate e che condividevano la stessa passione politica.
Ora non é più così e dalla cena si vedevano bene le differenze, soprattutto nella scelta dei posti.
E' stata comunque una bella cena, anche se intrisa un po' di ricordi e un po' di tristezza.
Ma non é certo questo che giustifica il rigettare delle proprie idee e della propria visione della politica.
Così mentre quelli cantavano e si divertivano a fare il karaoke ho pensato bene di parlare con parecchie persone di cose più concrete e ho notato un po' con sgomento (ma tanto ci ho fatto quasi l'abitudine) e un po' con rassegnazione che tante persone erano abbastanza scettiche sul partito democratico, ma non volevano abbandonare quel partito che era stata la loro vita.

Era questo che pensavano i fuoriusciti di Rifondazione ai tempi della svolta di Occhetto nel 91 e del PDS? Tristezza nell'abbandonare i compagni e rammarico perché tanti non si volevano staccare dal baraccone? Io questo non lo so e francamente non mi interessa più di tanto, nella vita bisogna fare le proprie scelte e pagare lo scotto delle proprie decisioni.

Ho avuto comunque grande piacere a sentire uno dei miei ex compagni della Sinistra Giovanile, ex-candidato alle primarie del PD, chiedermi di poter far parte del gruppo di giovani della Sinistra L'Arcobaleno che oramai si é costituito.
E' sempre un'immensa gioia per me perché non solo ho l'opportunità di rivedere e di riavere la presenza e l'aiuto di chi ha già fatto politica al mio fianco in passato, ma ho anche ricevuto da più parti ormai la conferma che il Partito Democratico é mosso solo da vecchi e non tanto da età, quanto da mentalità.

Nella strutturazione e nella considerazione verso i giovani non é cambiato un'acca, viene scelta una persona "dei giovani" (espressione odiosa che mi ha sempre fatto sentire un appestato) che tiri su un gruppo di giovani che faranno le loro riunioni e le loro iniziative.
E che forse siamo diversi da loro? Va beh, non ho voglia di rimarcare quello che ho sempre detto, ovvero la differenza tra la PROPAGANDA dei foglietti che mio padre distribuiva ieri agli iper truccati e intappati vecchietti del PD e la vera realtà dei fatti.

Quello di ieri non é un episodio singolo e sono molto contento di vedere persone che starebbero volentieri nel Pd, venire dalla nostra parte perché si sentono di sinistra e non per ripicca.

Guai a fare scelte del genere per ripicca e lo dice uno che verso il PD comincia a covare veramente profondo disprezzo.

Ma lasciamoli alle loro faccende burocratiche e proseguiamo dritti per la nostra strada: per il nuovo anno abbiamo previsto una serie di eventi che a Desenzano non si sono mai tenuti.

Che dire, preparatevi;)

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

sabato 22 dicembre 2007

Finalmente patentato

Stamattina ho fatto l'esame pratico per la patente di guida e l'ho passato senza problemi.
Un grazie a Iuri con il quale abbiamo continuato a sparare idiozie fino alla prova. :D

Finalmente entro nel club dei motorizzati!

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

giovedì 20 dicembre 2007

La prima sera a Trento

Ed ecco il filmato della prima sera passata a Trento al completo (intendo con Gio, tornato da Cuba).
Come eravamo giovani!

video

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

mercoledì 19 dicembre 2007

E' nata ufficialmente Left Youth a Desenzano


Oggi c'é stata la prima riunione ufficiale di Left Youth, il nuovo gruppo giovanile che fa configurandosi anche qua a Desenzano.
Non voglio stare a dilungarmi molto, per lo statuto e il resto vi rimando al sito ufficiale.
Vi dico solo che é nato un gruppo di persone che si sentono di sinistra e vogliono lavorare sui temi che la sinistra si é prefissa, con il punto di vista, le energie, le necessità e le priorità dei giovani.
Alle parole i fatti. Altri parlano, noi abbiamo agito.
La provincia di Brescia é promotrice, assieme ai compagni del Piemonte, della fondazione di questo movimento, che presto, speriamo, si estenderà anche a livello nazionale.
Presto ci saranno iniziative e il circolo é già aperto e operativo.
Per qualunque informazione vi invito a contattarmi;)

PS: quello in parte é il simbolo;)

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

martedì 18 dicembre 2007

Un giovane al posto di Fidel?


da La Stampa.it

Il “lider maximo” ammette: “Il mio compito non è restare aggrappato al potere”. Nessun dettaglio sulla successione
Per sette cubani su dieci, quelli nati dopo il 1959, il suo volto è, da sempre, quello di Cuba.
Ma ora Fidel Castro, 81 anni, una salute che vacilla almeno quanto quella del suo paese, si prepara - e prepara i cubani e il mondo - al passaggio di mano.

“Il mio dovere non è quello di aggrapparmi al potere, né di impedire ai giovani di farsi largo, ma di lasciare in eredità esperienze e idee”: la lettera che contiene lo storico annuncio, il primo a far pensare ad un futuro senza Castro - né Fidel, né il fratello “reggente” Raul, 76 anni - è stata letta ieri sera durante una puntata della trasmissione “Tavola rotonda”, in onda sulla televisione nazionale cubana.
Il lider maximo, che da 16 mesi a questa parte, dopo la misteriosa operazione allo stomaco e il trasferimento dei poteri al fratello, interviene nella vita di Cuba soprattutto dalle colonne dei quotidiani cubani, aveva fatto intendere di voler restare ancora a lungo alla guida del paese, almeno formalmente, candidandosi alle elezioni parlamentari del 20 gennaio prossimo.

L’annuncio di ieri apre invece uno scenario di successione, seppure ancora avvolto nel mistero: Castro non fa date, né nomi, non parla del futuro né della sua salute, ma si limita ad ammettere che Cuba si trova ad affrontare problemi gravi, “che richiedono molte più soluzioni di quante non se ne trovino su una scacchiera”, e a prospettare un incarico non facile per il suo successore.

Nuovo scenario per Cuba? La Revoluciòn che rivoluziona se stessa?

Non é facile adesso per noi capire la portata di questo annuncio né le sue conseguenze pratiche nell'immediato. Però si può facilmente capire che per qualche motivo Fidel sia costretto a lasciare il potere: per motivi di salute, di età, politici o altri, il Lider Maximo sembra davvero rimettere il giudizio sul suo operato alla storia e lasciare Cuba in mano ad una nuova mano. Si, ma quale mano? Chi prenderà eventualmente le redini di questo paese? Non é facile fare pronostici, anche se sicuramente non si apriranno spiragli verso l'esterno; difficilmente Cuba si aprirà alla democrazia vera e propria, almeno in tempi brevi.
Più probabile invece, come annunciato dallo stesso Castro, un avvicendamento al potere di una personalità giovane, non solo di età, ma soprattutto di politica. Una personalità che curi il rilancio socio-economico di Cuba.
Perché nei nostri tempi moderni, salvaguardare una rivoluzione simile non é per niente facile, se questa non é supportata da continui spronamenti e anche da più concreti benefici per la popolazione.
Bé, vedremo, spero solo che per Cuba si prospetti un periodo di apertura verso l'esterno e che questo significhi anche la fine dell'embargo che ha minacciato e minaccia ancora di ucciderla.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

lunedì 17 dicembre 2007

Le barre cominciano a partire da Caorso


"Sono partiti dall'ex centrale nucleare di Caorso, nel piacentino, i primi due cask contenenti ciascuno 17 barre d'uranio che saranno riprocessate dalla società Areva nell'impianto di Le Hague, in Francia.
I cask sono usciti dalla centrale alle 14 di ieri, a bordo di un paio di camion scortati dalle forze dell'ordine, e dopo un breve percorso hanno raggiunto l'area della stazione ferroviaria, dove con un carro gru sono stati caricati su un convoglio speciale, la cui partenza per la Francia, attraverso Lombardia e Piemonte, è avvenuta in tarda serata."

20 anni, 20 anni sono passati e ora finalmente qualcosa comincia a sbloccarsi.
Al ritmo di 30-40 giorni dovrebbero partire regolari convogli ad Caorso per smaltire quelle tonnellate di barre che ancora si trovano all'interno della centrale, la più recente e moderna tra tutte quelle italiane.

Le barre, dopo essere statte trattate appositamente, verranno fatte tornare in Italia per essere depositate in un sito "ancora da definire". Spero solo non vadano a finire in qualche fiume o peggio nacora in mano a società poco raccomandabili.

Qui per avere un quadro della situazione italiana e dei principali paesi in merito all'atomo.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

venerdì 14 dicembre 2007

Grillo deposita le firme al Parlamento: riflessioni

Oggi Beppe Grillo é arrivato in risciò davanti a Palazzo Madama per depositare gli scatoloni con le 350000 firme della legge di iniziativa popolare per mandare via i condannati in via definitiva e per non permettere l'elezione dei parlamentari per più di due legislature.

Ecco alcuni estratti dei suoi commenti:

"Napolitano ha detto che questa non è l'Italia di Grillo. Meno male, mi ha tolto un peso, e ha ragione perché questa è l'Italia di Napolitano".

"C’è qualcuno che non capisce nulla di nucleare e vorrebbe riproporlo - ha detto Grillo proseguendo a piedi verso il Senato - il Paese è da dare in mano a gente di 30 anni, magari invece tra poco torna lo psico-nano, ci divertiremo per tre anni".

Il suo arrivo in Senato è stato accolto da un grande applauso dai passanti radunati che hanno gridato: "vai Beppe, vai Beppe cantagliela tutta".
"Noi siamo il popolo sovrano" ha risposto Grillo "chiederò a loro cosa ci fanno qua. C'è gente qua da 30 anni, una volta nella vita devono capire cosa fa tutti i giorni il popolo sovrano".
"Portiamo questo libretto nero, la proposta di legge popolare. Mi sembra carino, tutto rilegato".

Per il presidente del Senato Franco Marini ha preparato un fascicoletto rilegato in pelle nera che contiene il ddl . "Ci manca sopra solo la croce" dice dedicando la proposta a tutte le "salme" di politici che sono in Parlamento.

E per concludere alcune parole sull'informazione:

"L'informazione è la vera depressione di questo Paese. Ormai nei cda degli organi di informazione siedono industriali, banchieri e politici. Così come anche i tg, sono completamente sfacciati. Non c'è più in questo paese una informazione normale, quindi via i finanziamenti pubblici ai giornali. Se fai un giornale, te lo finanzi, ci lavori, lo fai bello e lo vendi. Vivi con chi ti compra e chi ti legge".
“L'informazione sarà assorbita dalla rete” ha concluso il comico genovese “La rete è la cosa più democratica che esista perchè c'è il contraddittorio".

Per quanto mi riguarda, pur non approvando sempre le sue maniere e le sue misure, sono d'accordo con le affermazioni di Grillo, specialmente con la parte sull'informazione. Solo rendendo libera l'informazione da pregiudizi e da pressioni di ideologie e poteri forti si potrà rendere questo paese non solo più democratico, ma anche più responsabile.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Politica per dare dignità e sicurezza sul luogo di lavoro

Ascoltavo poco fa "Il ritorno di Paddy Garcia" dei Modena City Ramblers e, come sempre, sono rimasto colpito dalla frase:

"Non sto facendo questa guerra per la fede in un partito
Non combatto per servire una bandiera
Ma per lo sguardo stupito e gli occhi dolci dei bambini "

E' un verso molto toccante, che dimostra una volta di più di come dietro una causa ci possa essere una motivazione non ideologica o dogmatica, ma una sofferenza e un bisogno sociale latente e sentito dalla gente.

Se ho deciso di non abbandonare l'attività politica e anzi, di riconoscermi e sostenere fortemente una forza che guardi al diritto di un lavoro DIGNITOSO é perché non voglio più leggere nomi di morti "bianche", non voglio più fare minuti di silenzio, magari carichi di rancore, perché vite di persone sono state spezzate in modo orribile, non voglio più vedere operai che piangono e descrivono con la voce rotta di come hanno cercato di salvare e aiutare i compagni che morivano bruciati o schiacciati, uccisi dal loro stesso lavoro.
Finché in questo paese individualista, consumista e arrogante, a due passi dalle vie chic della Torino per bene, dagli appartamenti di lusso pieni di gente ricca che solleva al massimo una penna intarsiata d'oro per firmare qualcosa che gli permetterà di accrescere ancora la sua ricchezza, ci saranno fabbriche e nelle fabbriche operai e lavoratori che lottano contro la stanchezza e la fatica per portare a casa un compenso da fame, che quando sentono la sirena di fine turno sanno di essere ancora una volta scampati alla morte, di poter tornare a casa e rivedere la propria famiglia.

Finché sarà così, é mio dovere e dovere di tante altre persone, difendere e tutelare queste persone.
Tutelarle soprattutto ricordando che sono persone e non macchine, esseri umani che respirano, parlano, ragionano, camminano, amano.
Ma questo a volte ce lo ricordiamo solo quando applaudiamo al passaggio delle loro bare.

Ognuno di questi morti é stato assassinato e qualcuno dovrà pagare per queso.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

House of The Rising Sun (dedicated to Michael)

Dedico questa canzone al buon Michael, il gestore dell'Irish pub di Desenzano, con il quale ieri abbiamo fatto una bella chiacchierata davanti a una guinness, che mi ha gentilmente offerto;)

There is a house in New Orleans
They call the Rising Sun
And it's been the ruin of many a poor boy
And God I know I'm one

My mother was a tailor
She sewed my new bluejeans
My father was a gamblin' man
Down in New Orleans

Now the only thing a gambler needs
Is a suitcase and trunk
And the only time he's satisfied
Is when he's on a drunk

------ organ solo ------

Oh mother tell your children
Not to do what I have done
Spend your lives in sin and misery
In the House of the Rising Sun

Well, I got one foot on the platform
The other foot on the train
I'm goin' back to New Orleans
To wear that ball and chain

Well, there is a house in New Orleans
They call the Rising Sun
And it's been the ruin of many a poor boy
And God I know I'm one

E stasera festa di compleanno all'Irish pub di Desenzano!

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

giovedì 13 dicembre 2007

Ecco le foto dell'assemblea

Ecco alcune foto dell'assemblea e anche un video che mostra la folla di persone.

Per cominciare alcuni interventi dal palco centroale (siamo alla seduta plenaria del secondo giorno):



L'intervento della compagna di Brescia Francesca Butturini:



E per finire alcune foto dei nostri compagni, cominciamo con il compagno Giacomino (il più figo e il più fotocromatico;):



Proseguiamo con Gio e il nostro coordinatore Luigi:



Poi il compagno Gio con la Francy (compagna di Carpenedolo nonché lettriche accanita del mio blog, chissà come mai;)



E concludiamo con il sottoscritto (mi spiace Francy ma la nostra foto é venuta veramente male (non per niente l'ha fatta Giacomo;)



Ed ecco il video ripreso alla fine dell'assemblea:
video

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

mercoledì 12 dicembre 2007

Ecco le foto e il video del viaggio

Ecco come promesso alcuni video e foto dell'assemblea, a breve il commento, che però penso posterò sul sito di Sinistra Democratica, mettendovi un rimando al momento opportuno.

Ecco allora il materiale.

Per iniziare abbiamo le immagini dei nostri delegati alle prese con uno scassato trenino a benzina fino a Padova e con un brillante ed aristocratico T-Biz da lì fino a Roma.









Ed ecco il video del nostro stanco compagno Giacomo che si abbandona placido al sogno dei giusti (i sedili del T Biz d'altronde sono belli comodi :D)

video

A presto allora il commento e le foto dell'assemblea!

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

martedì 11 dicembre 2007

Stati Generali della Sinistra, prima parte

Segue un breve (spero breve) riassunto della nostra avventura agli stati generali della sinistra di sabato e domenica.

Iniziamo con la prima parte dedicata al viaggio di andata verso l'assemblea.

Vorrei precisare che il viaggio fino a Roma é stato compiuto da me e Giacomo con il treno e da Trento, contrariamente agli altri che sono andati giù in macchina da Desenzano e da Brescia.
Cercherò di narrarlo in forma riassuntiva con tanto di orari (grossolani).

Ore 5.00: sveglia a Trento, ci prepariamo rapidamente e senza fare colazione ci avviamo verso la stazione.
Ore 6.15: sul binario tronco valsugana ci aspetta la prima parte del nostro viaggio, un trenino a benzina che arrancherà fino a Padova (con 23 fermate da fare).
Ore 8.30: arrivo in perfetto orario alla stazione di Padova, rintontimento a causa del numero enorme di fermate, ma piacevolmente rasserenati dalla conversazione con un passeggero sulle imitazioni di Fiorello.
Ore 8.45: arrivo in perfetto orario dell'Eurostar e partenza con destinazione Roma, il treno é pieno e noi siamo nell'ultima carrozza. Appena accomodati e messo a posto i bagagli siamo informati che la carrozza ristorante é la quinta e quindi che avremmo dovuto fare tutto il treno per raggiungerla. Dopo un po' io e Giacomo ci rendiamo conto che, per quanto Eurostar, questo treno é più confortevole del normale, ci rendiamo conto, anche dall'arredamento e soprattutto dal simbolo sui sedili e sui porta cenere che si tratta di un T-Biz, linea business dell'Eurostar, probabilmente un treno convertito in Eurostar normale ma comunque confortevole, piacevole sorpresa!
Ad un certo punto decidiamo di andare a fare colazione e ci avviamo verso il bar. Dopo un lungo tragitto per le carrozze arriviamo finalmente all'ambito traguardo e ordiniamo cappuccino e brioche; al che, sorpresa! Di cappuccini ne restava uno, dato che il latte era finito e le brioche pure erano terminate ed erano le 9.30! Perplessi attendiamo fiduciosi il carico di nuove provviste alla stazione (eravamo nel frattempo arrivati e fermi a Bologna). Arriva l'altro inserviente del bar e comunica in dialetto romanesco che "so arrivati 150 mars", al che ci rendiamo conto che la colazione é irrimediabilmente compromessa. Alla fine risolvo di prendere un té che neanche due bustine di zucchero riescono a rendere dolce e ce ne torniamo al nostro posto.
Girando per il treno ci rendiamo conto che é pieno di gente che legge il Manifesto e Liberazione, dal che deduciamo che, per usare un'espressione ormai berlusconiana, questo é un treno rosso.
Difatti andavano tutti, come noi, agli stati generali della Sinistra.
13.08: arrivo in perfetto orario alla stazione Termini, piccola discussione tra me e Giacomo su come arrivare alla fiera e se seguire le erronee e contraddittorie informazioni che avevamo racimolato. Decido di seguire l'ipotesi di Giacomo e di non attendere il dubbio treno per la fiera da Termini, ma di spostarsi in metropolitana fino a Roma Ostiense e da lì prendere il treno locale.
Prendiamo la metropolitana, schiaffandoci nel casino di Roma (c'erano pure 5 o 6 gradi più che a Trento e quindi faceva quasi caldo) e scendiamo a Ostiense.
Arrivati lì (13.30 circa) ci arrabattiamo per prendere un biglietto dalle macchinette del trasporto locale (che accettavano solo banconote e non monete e non davano il resto) e prendiamo il treno (nel frattempo aveva cominciato a piovere).
Sul treno troviamo miracolosamente posto (era strapieno di compagni con bandiere e assembramento vario) e scendiamo finalmente alla fiera.
Appena arrivati ci rendiamo conto che la fiera é un complesso di parecchi chilometri e quindi dobbiamo risolverci ad andare a piedi. Ignorando la fermata della navetta, proseguiamo pedibus calcantibus verso l'entrata est, a parecchie centinaia di metri, quando un autobus ci frena davanti, invitandoci a salire e facendosi suonare dietro da tutte le macchine.
Ecco la consueta umanità dei romani, agli inviti di "aò, nnamo, venite su che ve porto all'entrata), saliamo sulla navetta assieme ad altri intrepidi compagni che ci avevano seguito e, morale, la riempiamo, così quando arriviamo alla fermata il bus é già pieno. Con gioiosa vitalità il conducente invita i compagni ad aspettare perché sarebbe tornato in 10 minuti.
Il pullman ci porta così all'entrata est dove scopriamo che l'assemblea é nel padiglione dell'entrata nord (così abbiamo dovuto attraversare TUTTA la fiera a piedi...) e ci ricongiungiamo con gli altri compagni venuti in macchina o in pullman.

Fine prima parte, al più presto pubblicherò foto e filmati del viaggio e la prossima volta foto, filmati e commento sull'assemblea;)

A presto!

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

venerdì 7 dicembre 2007

Babbo Natale che parla di sesso orale: l'ennesima gaffe della Microsoft


Tratto da google news.

SEATTLE - Doveva essere un modo semplice e veloce per chattare online direttamente con Babbo Natale; un'occasione unica per milioni di bambini e ragazzi. Dopo aver aggiunto l'indirizzo e-mail northpole@live.com alla lista dei propri contatti di Windows Live Messenger l'utente poteva conversare con il Santa Claus virtuale di Microsoft, che - grazie a un programma automatizzato - era in grado di rispondere alle moltissime richieste da ogni parte del mondo. Il Babbo Natale virtuale, online da un anno, parlava di argomenti inerenti alla festività come il Polo Nord, le renne, i regali. Alla fine si è ritrovato a parlare di sesso, oltretutto in modo esplicito. E quindi è stato zittito definitivamente.

SESSO ORALE - Un'avventura che ricorda quella di un film, «Bad Santa», con un Babbo Natale di un grande magazzino dedito a sesso, alcole e ruberie. Soltanto che questa volta il «Bad Santa» è virtuale. Se n'è accorto The Register che ha raccontato la vicenda, fin dalle prime battute: un lettore ha fatto presente al portale informatico che le sue due nipotine, di 11 e 13 anni, dopo aver esortato in maniera insistente il Babbo Natale online a mangiare una fetta di pizza, si sono meravigliate quando questo ha improvvisamente cambiato discorso cominciando a parlare di sesso orale. «You want me to eat what?!? It's fun to talk about oral sex, but I want to chat about something else» («Tu vuoi che io mangi cosa?!? È divertente parlare di sesso orale, ma vorrei chattare di qualcos'altro») è stato il testo digitato, prontamente documentato dal sito britannico. Oltretutto, scrive The Register, alla fine gli sarebbe scappato anche un «dirty bastard». Microsoft non ha perso tempo e ha subito rimosso il suo Babbo Natale dalla Rete: «Dopo una serie di report che segnalavano l'utilizzo di un linguaggio inappropriarto nel codice del software del Santa Claus presente su Windows Live Messenger, abbiamo cercato di cancellare parti degli script. Non ha funzionato, così è stato disattivato» ha annunciato il portavoce Adam Sohn.


Non ho parole, la sostituzione di queste tradizioni con il digitale porta solo ad una forzosa artificiosità di queste ultime.
Perché non possiamo pensare alla lettera sotto l'albero e all'attesa dei regali per il giorno dopo?

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

giovedì 6 dicembre 2007

Sinistra Generazionale

Riporto il comunicato a nome dei giovani dei quattro partiti fondatori della federazione della sinistra (da l'assemblea.org).


Le federazioni giovanili di Verdi, Prc, Sd e Pdci saranno presenti all’Assemblea Generale dell’8 e il 9

(6.12.07) - Siamo ragazzi e ragazze di quella che è stata chiamata “Generazione X”, cresciuta con la «crisi della politica», il crollo delle ideologie, il pensiero unico e la fine della storia
Nei movimenti globali, ecologisti e pacifisti di inizio millennio abbiamo ritrovato una nostra mutevole identità ed in questi anni non ci siamo rassegnati a delegare ad altri la nostra passione ed iniziativa politica.
Siamo una generazione che vive oggi sulla propria pelle la crisi verticale del nesso lavoro-cittadinanza costruita attraverso il paradigma della precarietà come condizione legata non solo alla dimensione professionale e del contratto di lavoro, ma come dimensione esistenziale generale, e che riguarda la casa come l’istruzione, la mobilità come l’accesso a saperi e cultura, la libertà di scegliere liberamente sulla tua vita, di seguire i tuoi orientamenti sessuali, come la promessa di un avvenire di guerra, cambiamenti climatici ed instabilità globale.
La precarietà diviene allora il furto più terribile che si possa fare ad un giovane: il furto della possibilità di immaginare, costruire, organizzare il tuo futuro fuori dal ricatto costante del profitto e del comando.
E’ una condizione che può essere rappresentata, narrata solo da chi la vive sulla propria pelle e - come tale - spesso invisibile alla sfera della politica e dei diritti sindacali.
E’ una condizione che pone alla politica domande nuove, che vivono dentro una società profondamente mutata: diritto alla continuità di reddito ed alla formazione permanente garantita e retribuita, accesso a saperi, conoscenze e cultura, al credito, il diritto all’abitare, a vivere in una società non prigioniera delle mafie e della criminalità organizzata.
Domande e temi nuovi che devono avere piena cittadinanza nell’assemblea di sabato e domenica attraverso la partecipazione delle giovani generazioni, un tema a cui, ci pare, non si è data adeguata attenzione.
Ci chiediamo, insomma, come si possa immaginare una sinistra nuova senza mettere al centro i soggetti che più inverano le condizioni materiali di vita di una società rinnovata, giovani, donne e migranti in primis.
Non si può fare a meno di credere, ci pare, che una politica di trasformazione e cambiamento abbia bisogno oggi di farsi percorso di liberazione in primo luogo per tutti questi soggetti.
E’ per questo che la crisi della politica riguarda più di altri le giovani generazioni, ormai incapaci di credere che la politica possa determinare significativi mutamenti nelle loro condizioni di vita e di lavoro.
Al centro di questo processo vi è - tra l’altro – quella che chiamiamo «privatizzazione della politica» ad opera dei gruppi dirigenti di troppe forze politiche, tendenzialmente bianchi, anziani, maschi.
La società italiana è oggi tra le più gerontocratiche del pianeta: esclude, perimetra, mortifica nell’università come nella ricerca, nell’impresa come nel pubblico impiego.
Questo fenomeno è tanto più grave se avviene, come in realtà è, nel campo della politica perché la condanna all’incomprensione di una parte non marginale della realtà e ne mina la già snervata rappresentanza.
La precarietà delle giovani generazioni infatti rappresenta oggi una vera e propria emergenza sociale di cui di cui molti nel mondo della politica si riempiono quotidianamente la bocca senza conoscerne la condizione materiale e senza avere la capacità di prospettare e realizzare soluzioni concrete (la recente vicenda del welfare ne è l’ennesima conferma).
Le manifestazioni che negli ultimi due mesi hanno invaso le strade ele piazze del nostro paese - il 20 ottobre contro la precarietà, il 17 novembre a Genova, il 24 novembre la straordinaria manifestazione delle donne contro la violenza maschile, lo scorso sabato i tantissimi/e in marcia per la difesa dei beni comuni – hanno invece disegnato la realtà di un paese attraversato da una radicale domanda di partecipazione, da soggetti sociali - i giovani e le donne in particolare – che chiedono una presa di parola cui la politica ufficiale non riesce a rispondere.
Pensiamo che l’assemblea della sinistra dell’8 e 9 dicembre possa rappresentare una straordinaria occasione per l’inversione di questa tendenza; ma perché realmente lo sia dobbiamo essere capaci di accettare la sfida sino in fondo, senza timori o reticenze, senza sfuggire alle critiche di tanti che vogliono prender parola, contribuire all’elaborazione, progettare insieme contenuti, analisi, priorità, pratiche e forme.
Con questa convinzione non possiamo che ritenere una ricchezza la presenza all’assemblea di quei soggetti sociali che nella politica, ma in una nuova politica, vogliono ancora riconoscersi, e che scegliendo di farlo in quella sede vorranno offrire un contributo critico e costruttivo al percorso unitario che si sta avviando, consapevoli della complessità quanto della possibilità di reale cambiamento che ci troviamo oggi davanti.
Crediamo infatti che la sinistra unita e plurale debba essere esattamente la messa insieme di tante istanze, diverse ma complementari.
Interverremo in tutti i workshop ponendo questi temi e chiediamo infine che sia garantito alle giovani generazioni un intervento nell’assemblea plenaria di domenica sui problemi che le riguardano da vicino, ben sapendo che ciò non rappresenta in alcun modo una soluzione del problema, ma solo un possibile inizio.
L’inizio di un nuovo processo che vedrà la sinistra italiana riconquistare le periferie e il consenso anche di coloro che oggi sono profondamente delusi; l’inizio di un nuovo cambiamento e il rilancio di una lotta per un mondo nuovo.

Giovani Comuniste/i, Federazione Giovanile Comunisti Italiani, GiovaniVerdi, Giovani di Sinistra Democratica

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Piccola carrellata di immagini

Diamo fondo a queste ultime immagini di Novembre prima del mese natalizio ricordando alcuni nostri tratti tipici.

L'uomo sempre elegante.


Il cuoco di bordo.


E per finire il dialogo con il nostro nuovo compagno di appartamento ovvero il nostro nuovo Carlotti convalescente da una malattia.


video

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

La sinistra in Italia ha un nuovo nome e un nuovo simbolo: perplessità.


E' uscito il nuovo tratto grafico comune che caratterizzerà la federazione della sinistra e che verra formalmente presentato il 9 Dicembre durante l'assemblea plenaria a Roma.
Sinceramente posso apprezzare la perdita dell'attributo (e del simbolo) comunista, ancorché giustamente non si debbano perdere i valori all'interno del nuovo soggetto, ma non posso fare a meno di pensare che si poteva fare decisamente qualcosa di meglio.
A cominciare dal nome: il termine sinistra viene utilizzato, ma mi é completamente oscuro il perché dell'utilizzo di "l'arcobaleno" subito dopo il termine. Letto di fila suona "la sinistra l'arcobaleno". Mi sembra sinceramente un po' squallido.
Dopo un nome del genere, non ci si può aspettare che un simbolo omonimo ed infatti ecco l'arcobaleno che campeggia sotto.
Riguardo a questo elemento voglio solo sottolineare che un bambino di 6 anni con paint l'avrebbe fatto meglio (quelle rigacce spesse sono veramente brutte).
Per ultimo il colore: spero vivamente che la bandiera con questo "simbolo" sia rossa, altrimenti alle prossime elezioni ci saranno solo i voti dei quattro "padri" che l'hanno presentato...

Detta questa inevitabile mia riflessione, non voglio tuttavia esimermi dal congratularmi con le quattro forze della sinistra che hanno saputo trovare un denominatore comune per la loro azione politica.
Il contenitore ha un nome: ma noi sabato e domenica non lo costruiremo come é stato fatto con il PD. Noi costruiremo le idee e i valori sui quali si deve fondare questa nuova realtà e sarà la gente a giudicare se il nostro passo é stato troppo breve o troppo lungo.

Avanti quindi, per rendere effettiva quella che é, a tutti gli effetti, una svolta storica della sinistra italiana.

Ho sentito di recente qualcuno del PD dire (a quanto pare l'unica cosa che resterà sicuramente FUORI dal loro statuto é la dignità) che é merito loro se la sinistra si é unita, senza il loro grande passo democratico non si sarebbe potuta configurare un'entità meno "radicale".
A quelli che la pensano così dico solo una cosa: noi (e intendo noi come Sinistra, d'ora in poi non si parlerà più soltanto di SD) siamo riusciti a fare quello che i Piddiani, non sono riusciti: mettere in comune delle idee ed evolversi naturalmente dal proprio passato in una visione più moderna SENZA buttare via le proprie origini; voi purtroppo non ci siete riusciti.

Forse non siamo noi a dover imparare.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

martedì 4 dicembre 2007

Le affermazioni politiche di chi la cultura non ha idea di cosa sia

Sto parlando dell'affermazione fatta dal consigliere comunale di Treviso Gorgio Bettio.
Il leghista, parlando di un battibecco a livello condominiale con coinquilini di fede musulmana accaduto alla madre, avrebbe sostenuto nei confronti di queste persone «inutile la legge del taglione» e molto più proficui i sistemi adottati dalle SS nei confronti dei detenuti nei lager.
Ora, senza lasciarsi andare a reazioni della stessa portata di queste affermazioni che, francamente, ci potrebbero stare bene, vorrei ricordare che dietro l'elezione di queste persone ci sono i voti della gente, dietro queste affermazioni c'é una precisa volontà di dar voce a queste ultime eleggendo personalità che inevitabilmente finiscono per dirle (si spera non farle).

La domanda che voglio porre a chi li ha votati, li vota e probabilmente li voterà é: non vi vergognate? Neanche un po'?

Bé, se non vi vergognate neanche un po' mi vergogno io per voi e anche di voi.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

domenica 2 dicembre 2007

Carlotti Lavacoltelli

Il lavaggio dei piatti nella nostra casa universitaria é da sempre regolato da rigide norme ed eque ripartizioni di stampo socialista.
Quando si tratta di lavare i coltelli però, il fattore follia inalbera i propri sintomi e si aggiunge al fattore alcool nell'elenco di cose che rendon divertente l'età ateneide.

Per questo, guardate...

video

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Ed ecco un altro scoppiettante video della saga universitaria

Mi raccomando, se siete seduti assicuratevi che lo schienale sia in posizione perfettamente diritta e se non lo siete affrettatevi a prendere posizione o quantomeno ad afferrarvi a qualcosa di resistente... é arrivato il NUOVO video della saga universitaria.

Irriverente, dissacrante, REALE, il nuovo video targato "Università degli Stufi di Trento".

Godetevelo, presto ne arriverà un'altro carrellata.

video

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

mercoledì 28 novembre 2007

La nuova sinistra guarda ai blogger


Sembra proprio che i blogger interessino al nuovo nucleo politico che si sta prefigurando a sinistra.
Agli Stati Generali dell'8 e 9 Dicembre verrà dedidato per la prima volta spazio alle opinioni e ai commenti degli utenti del web 2.0.

Vi posto il breve articolo preso dal sito ufficiale dell'iniziativa.

Un’assemblea aperta ed innovativa: così si vuole caratterizzare la due giorni dell’8 e 9 dicembre. E tra workshop, dibattiti e assemblee plenarie sarà messa a disposizione un’area wi-fi dedicata ai blogger che vorranno dare voce a esperienze, considerazioni e, perché no, critiche in diretta dall’assemblea.

Non mi sembra un piccolo passo in avanti, speriamo bene.
E voi blogger connettetevi ed inviate le vostre opinioni, approfittiamo di questa iniziativa per postare le nostre idee.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

E anche Samuele é venuto con noi


Posto questa notizia presa da sinistra democratica.it per affermare una volra di più che non tutti la pensano come quelli del PD.
Sto parlando delle dimissioni di Samuele Mascarin, responsabile organizzazione della sinistra giovanile, dall'esecutivo nazionale.

Ecco la sua lettera di dimissioni:

Queste mie righe vogliono essere senza troppa presunzione o prosopopea un modo per esternare in modo trasparente alcune considerazioni personali ma anche, al tempo stesso, rivolgere un saluto sincero alle compagne e ai compagni della Sinistra giovanile.
Infatti temo – per quanto non vi sia in ciò nulla di male o tanto meno di drammatico – che le strade di molti di noi, che in questi anni sono state pur nelle differenze e nella pluralità di sensibilità un'unica grande strada, oggi si dividano.
Inutile dire che sono il Partito Democratico, il profilo e le caratteristiche politiche che via via nel corso di questi ultimi mesi ha assunto tale progetto e i mutamenti che esso ha prodotto e produce nel quadro politico nazionale che mi portano oggi a maturare una scelta netta, molto sofferta dal punto di vista umano ma altrettanto serena da quello politico.
Infatti in questi mesi che ci separano dall’ultimo congresso nazionale DS, ho cercato di mettere in discussione i miei dubbi e le mie perplessità circa il progetto del PD. Dubbi e perplessità che, come sanno bene le tante compagne e i tanti compagni, non ho mai nascosto o dissimulato ma che ho semmai cercato - ritengo con una sufficiente dose di onestà intellettuale - di risolvere e superare impegnandomi in ogni passaggio della breve ma intensa fase costituente, non sottraendomi mai né al confronto né tanto meno ai doveri e alle responsabilità che ho sempre avvertito di avere, a prescindere dalle valutazioni e le analisi personali, nei confronti dell’intera Sinistra giovanile, un’organizzazione che per oltre dieci anni ha rappresentato per me e per tante ragazze e tanti ragazzi una grande opportunità di impegno e di lotta.
Ma questo tempo, almeno per me, oggi volge al termine. Innanzitutto perché quei dubbi e quelle perplessità sul progetto del Partito Democratico - a partire dal tema irrisolto del suo rapporto con la famiglia del socialismo europeo e internazionale - non sono state né risolte né superate, ma anzi sono cresciute fino a diventare convinta ed intima non condivisione di quella prospettiva politica. E poi perché con la nascita del Partito Democratico volge comprensibilmente al termine proprio l’esperienza della Sinistra giovanile, che è stata fin dall’adolescenza la dimensione politica e umana in cui ho vissuto e praticato una militanza appassionata e totalizzante, in cui ho potuto trovare le risposte a tante mie domande e aspettative, in cui ho potuto declinare e vivere collettivamente una forte tensione etica e valoriale pienamente rispondente ai miei personali convincimenti.
E del resto ad un’organizzazione politica si aderisce proprio per profondo convincimento personale. La politica per me è ancora così: la si fa e la si pratica, per essa ci si batte, si soffre, si gioisce, si vince e si perde se la si sente come propria, se la si vive come parte di sé. Magari non tutta intera, ma in larga misura sì. Un’organizzazione politica, un partito sono sempre espressione di una parzialità ma in quella dimensione la politica diventa qualcosa di piu’, diventa un sforzo comune, una storia collettiva.
E l’impegno politico che in questi anni ho avuto la fortuna di vivere è stato esattamente questo, quell’impegno politico che per intenderci - come diceva Enrico Berlinguer - può riempire degnamente una vita. Un impegno che non vive – almeno così ho sempre pensato e penso tuttora – senza passione e partecipazione di massa, senza il calore e l’anima dei sogni e delle speranze di chi lo intraprende giorno dopo giorno, senza la consapevolezza che esso serve – anche quando diventa sacrificio – a costruire in prospettiva una società diversa e migliore da quella in cui viviamo, piu’ giusta e inclusiva, piu’ aperta e democratica.
Questo impegno – avvertendo di non poterlo far vivere secondo le mie sensibilità nel nuovo partito - scelgo oggi di proseguirlo a sinistra, nella speranza di poter continuare a far vivere quella tensione ideale nel campo della sinistra democratica e socialista.
Per questo oggi, dopo aver rimesso il mio mandato di Organizzatore nazionale della Sinistra giovanile, scelgo di aderire al movimento di Sinistra Democratica: non solo per impedire che nel nostro Paese scompaiano le parole “sinistra” e “socialismo” ma anche per provare a dar maggior forza alle ragioni della sinistra laica, democratica e riformista a fronte da un lato della deriva moderata del PD e dall’altro del percorso di rinnovamento intrapreso da una sinistra che tenta finalmente di essere plurale e unitaria al tempo stesso.
Un percorso personale il mio, che si somma però in questi giorni a quello di tanti altri compagni della Sinistra giovanile, consapevoli quanto me che la tensione etica e ideale delle scelte personali ha un valore e un senso diverso e maggiore quando riesce a vivere in una dimensione in cui ogni pensiero, idea, intelligenza, sforzo e impegno sono collettivi.
L’impegno nuovo che oggi scelgo è esattamente questo. E non può che essere a sinistra.

Samuele Mascarin

E bravo Samuele! Sono contento di vedere che sei tornato tra noi, abbiamo bisogno di gente come te per costruire la nuova sinistra.
Ed é un invito che rinnovo a tutti i giovani, nel PD o no: non state a guardare mentre vi costruiscono l'angolino in una realtà politica di cartapesta, ma rendetevi partecipi di quello che volete fare, delle vostre idee e dei vostri ideali.
L'episodio che ho citato poco tempo fa é solo l'ennesimo (e purtroppo non sarà l'ultimo) esempio di come tutto questo progetto non solo non abbia a cuore i giovani, ma li escluda sistematicamente dalle poche realtà nelle quali sono riusciti ad affermarsi per il loro valore.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Sciroppatevi il vero comunismo

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

martedì 27 novembre 2007

La sagr... ehm, la saga universitaria continua

Continua la saga universitaria, o meglio, la sagra, dato che qua stanno facendo un sacco di cose per il Natale...
Ok, la smetto, cerco di far ridere chi non ride e di far piangere chi ride, quindi il risultato non mi pare consono alle aspettative...
... ma proseguiamo con i nostri intenti e godiamoci subito altre foto degli Universitari (guarniti di commento ovviamente).

Cominciamo con un'immagine abbastanza eloquente di uno dei componenti della banda che si reca alla sua Regia Occupazione Giornaliera (più che giornaliera, ogni ora) in compagnia di un elemento tecnico indispensabile in queste occasioni (glielo abbiamo fornito in versione famiglia dati i suoi bisogni... familiari appunto).



Proseguiamo poi con alcune immagini puramente narcisistiche degli altri due componenti della banda, ovvero il dott. Cadioli e il prof. Carnassale.

Iniziamo con l'illustrissimo dottore ripreso in virile ed eretta posa...



... per finire con l'esimio professore (che sembra avere gli occhiali perennemente scuri).


Lo so, sembriamo perennemente ingessati nelle nostre pose... prometto che cercheremo di riprendere le quotidiane attività in maniera meno formale, ma che ci volete fare, gestiamo la casa e la nostra vita come se fosse un ufficio ;)

Alla prossima...

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Prendiamolo Dietro... il vero significato che sotto sotto non sfugge.

Ringrazio La tenda nel deserto per l'informazione e la riporto io stesso.

Il 24 Novembre a Vercelli é stato eletto come coordinatore del Partito Democratico il senatore Luigi Bobba, leader dei Teodem, con 20 voti su 21.
Alla faccia dei giovani entusiasti! E non é tutto: segretario dei DS da appena 6 mesi era stato eletto Alessandro Portinaro, 28 anni, già segretario regionale della Sinistra Giovanile (questo é un giovane).
L'episodio dimostra una volta di più la volontà di costruire un partito nuovo, senza correnti, senza corsie preferenziali per i vecchi caproni della politica, pieno di idee nuove e soprattutto di giovani.

L'unica cosa che posso dire ai miei ex compagni della Sg che sono, prima o dopo, saltati sul carrozzone democratico, é la conferma del vero significato di PD: Prendiamolo Dietro...

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

domenica 25 novembre 2007

Ed ecco i filmati delle celebrazioni

Mi spiace per il tempo che avete atteso, o affiatatissimi lettori, ma ora siamo in grado di riprodurre per voi vecchi ed ammuffiti documenti che celebrano la vittoria nella seconda guerra mondiale della Grande Guerra di Liberazione.
Essendo documenti storici ci sentiamo di presentarli al vostro culturale interesse;)

Ecco il primo che vi proponiamo dopo l'overture: si tratta della presentazione della bandiera al santuario della patria.
video

E ora le insegne naziste gettate a terra.
video

Godetevi questi intanto, presto ne arriveranno di nuovi.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Incontro sui Sem Terra


Ieri sera a Carpenedolo c'é stato un interessante incontro.
L'ospite era un sacerdote, Don Giuseppe, da 25 anni impegnato in Brasile in attività con il movimento dei Sem Terra.
L'incontro é stato interessante soprattutto per la presa d'atto diretta della situazione attuale, di quanto é stato fatto e delle prospettive future di questo movimento e dell'aiuto che riceve.
Don Giuseppe ha infuso i suoi racconti di un'incredibile vitalità e concretezza, portando alla luce la realtà sociale e profondamente legata all'ottenimento dei propri diritti, dei Sem Terra.
Non essendo un esperto, ma conoscendo chi ne sa molto di più, anche per il fatto di essere stato là (la nostra Franjis), la pregherò al più presto di farci un sunto qui sull'attività di Don Giuseppe e sul movimento più in generale.

Per far leggere a tutti una Chiesa molto diversa da quella che conosciamo.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

giovedì 22 novembre 2007

La Cura (dedicated to Franjis)


Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via,
dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali
lo spazio e la luce per non farti invecchiare;
e guarirai da tutte le malattie.

Perchè sei un essere speciale
ed io avrò cura di te.

Vagavo per i campi del Tennessee,
come vi ero arrivato chissà
non hai fiori bianchi per me?
più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.
Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza,
percorreremo assieme le vie che portano all'essenza.
I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d'Agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto,
conosco le leggi del mondo e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali
lo spazio e la luce per non farti invecchiare;
ti salverò da ogni malinconia.

Perchè sei un essere speciale
ed io avrò cura di te.
Io sì che avrò cura di te

PS: la canzone la potete sentire dal lettore nella barra di destra (per la felicità di Daniel;)

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Chuck Norris in corsa per l'America!

Lo si, non ci credevo neanche io, ma Chuck Norris pare esercitare un effetto enorme sulle folle repubblicane.

Se non ci credete leggete questo (completo di video della campagna elettorale dell'ex pastore Mike Huckabee
, in corsa per i repubblicani).

Dopo che avrete richiuso la bocca per lo stupore sciroppatevi un commento appropriato dei fan: "Chuck Norris può far cadere un governo semplicemente mettendo una buccia di banana fuori dal palazzo del parlamento..."

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Telefonata di Crozza a Veltroni

La riporto perché é troppo bella, Crozza é l'unico a tirare su in questo marasma politico vorticoso che invece di ripulirsi muove sempre la solita melma.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

martedì 20 novembre 2007

Episodi della saga universitaria

Quando si sta lontani da casa per un po', assorti in profonda concentrazione per l'intenso studio e le lezioni e, nel contempo, occupati a mantenere civiltà e ordine in un appartamento, possono capitare reazioni come questa...
video

PS: sottolineo che una certa persona era in bagno in quel momento...
PPS: certo che il lettore video di blogger fa veramente schifo, cercherrò di porre rimedio.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

venerdì 16 novembre 2007

Inquietanti presenze nel nostro alloggio...


Abbiamo notato oscure presenze, che camminano di notte facendo scricchiolare il parquet e appaiono sui muri sotto forma di ombre indistinte.
Non é ancora chiara la loro provenienza, ma sono sicuramente qualcosa di alieno.


Oddio...

...potrebbero essere...
... no, non é possibile.... oppure si...
...ma si... potrebbero essere... dei COMUNISTI!

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

L'Inno del PD

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Riflessione su quello che é successo ieri sera e sui commenti che ne sono scaturiti


Faccio una breve una riflessione sulla situazione politica e su tutto quello che é successo ultimamente, dato che mi sono accorto di avere un po' trascurato questa parte. Questo non per disinteresse, anche perché nonostante sia a Trento la maggior parte della settimana mi tengo informato periodicamente di tutto.
Mi limito a far presente che il carrozzone del Governo, nonostante tutti i malocchi lanciati dall'opposizione e alle sparate, o meglio, alle spallate mancate di Berlusconi (inutile dire cosa ne penso di lui, anche perché sembra comincino a pensarlo anche i suoi "alleati"...) é ancora in piedi.
La Finanziaria é stata approvata senza l'aiuto determinante dei senatori a vita e si va avanti così.
Certo non si può pensare che la situazione politica non sia mutata e che sia necessario un cambio, ma finalmente anche alcuni partiti del'opposizione cominciano a prendere atto di un confronto inevitabile per poter procedere all'attuazione delle riforme indispensabili per dare a questo paese un assetto istituzionale più stabile.
Speriamo che si apra un vero e sincero dialogo e si ignorino da entrambe le parti i teatrini di certi personaggi che fanno brutta figura per se stessi e per chi ha avuto la sventura (o la mancata speranza) di votarli.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Quello che spero sia il template definitivo

Dopo vari tentativi e con l'aiuto indispensabile di Vlad, che mi ha prestato il suo codice per le modifiche, sono riuscito a dare una veste pseudo-stabile al mio blog, più o meno corrispondente alle mie intenzioni.
Restano ancora dei problemi da risolvere, come impostare i vari colori (nel modificare il template ho dovuto togliere parecchi riferimenti dei colori, indi per cui non posso modificarli con il comando di blogger e dovrò farlo a mano) e sistemare bene le colonne, ma la struttura centrale dovrebbe essere più o meno questa.
Spero sia di vostro gradimento, appena completata rilancerò il sondaggio sul gradimento;)

PD: i consigli sono sempre ben accetti (possibilmente corredati da spiegazione tecnica, dato che ho notato la mia ancora grande incomprensione dell'HTML, ancorché sia riuscito a fare dei passi avanti...).

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

giovedì 15 novembre 2007

Sciroppatevi anche il mio test

Dato che tutti lo hanno fatto, lo faccio anche io, nonostante l'avessi già fatto tempo fa.
Sto parlando ovviamente del fatidico test che ho notato su vari blog, come quello di Chiara e di Drika.

Non vi posto il link ma vi metto direttamente l'immagine.
Comunque non mi pare molto affidabile, soprattutto per la ristretta cerchia di domande e l'eccessiva specificità degli argomenti ai quali molto spesso le posizioni dei partiti sono molto labili.

Il link é qua.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

lunedì 12 novembre 2007

Due belle notizie universitarie


A maggior prova del periodo particolarmente positivo, riporto due notizie confortanti dal mondo universitario.

1) Ho preso 29 al primo esame, a conferma del fatto che riesco a gestire questo tipo di materie anche con poco tempo.

2) La mia richiesta di esonero dalle tasse universitarie é stata accolta e quindi beneficerò di una borsa di studio di 2700 euro per il corrente anno accademico.

Come non essere felici di questo ;)

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

sabato 10 novembre 2007

Restyling, ma poche convinzioni

Presto presumo che il mio blog avrà un nuovo restyling, non sono convinto di quello attuale.
Vedremo cosa si potrà fare, intanto cercherò di non far venire meno i miei commenti.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

giovedì 8 novembre 2007

Piccoli e grandi cambiamenti!

Eh, si, all'improvviso un sacco di cambiamenti...
La veste grafica, l'impostazione del blog, un po' tutto.
Perché vi chiederete? Bé, non c'é esattamente un perché, l'ho fatto e basta ;)
Spero vi piaccia, sono in attesa di vostri commenti!

Intanto sciroppatevi il nuovo album che vedete a lato e riguarda le celebrazioni del novantesimo della Rivoluzione D'Ottobre, sono sicuro che rimarrete a bocca aperta (soprattutto se siete del PD;)
Queste foto integrano i filmati che, come avevo già anticipato, faranno la loro inedita comparsa.
L'epopea della saga, se per caso ve la siete persi, la trovate qui.
Ed in puro stile mediatico vi saluto con un: "arrivederci alla prossima edizioni, grazie per l'ascolto"!




Anzi no....


Vi saluto con una canzone...

(sono matto lo so :D:D:D:D)

E-Bow The Letter --> R.E.M.

Look up, what do you see?
All of you and all of me
Fluorescent and starry
Some of them, they surprise

The bus ride, I went to write this, 4:00 a.m.
This letter
Fields of poppies, little pearls
All the boys and all the girls sweet-toothed
Each and every one a little scary
I said your name

I wore it like a badge of teenage film stars
Hash bars, cherry mash and tinfoil tiaras
Dreaming of Maria Callas
Whoever she is
This fame thing, I don't get it
I wrap my hand in plastic to try to look through it
Maybelline eyes and girl-as-boy moves
I can take you far
This star thing, I don't get it

I'll take you over, there
I'll take you over, there
Aluminum, tastes like fear
Adrenaline, it pulls us near

I'll take you over
It tastes like fear, there
I'll take you over

Will you live to 83?
Will you ever welcome me?
Will you show me something that nobody else has seen?
Smoke it, drink
Here comes the flood
Anything to thin the blood
These corrosives do their magic slowly and sweet
Phone, eat it, drink
Just another chink
Cuts and dents, they catch the light
Aluminum, the weakest link

I don't want to disappoint you
I'm not here to anoint you
I would lick your feet
But is that the sickest move?
I wear my own crown and sadness and sorrow
And who'd have thought tomorrow could be so strange?
My loss, and here we go again

I'll take you over, there
I'll take you over, there
Aluminum, tastes like fear
Adrenaline, it pulls us near

I'll take you over
It tastes like fear, there
I'll take you over

Look up, what do you see?
All of you and all of me
Fluorescent and starry
Some of them, they surprise

I can't look it in the eyes
Seconal, Spanish fly, absinthe, kerosene
Cherry-flavored neck and collar
I can smell the sorrow on your breath
The sweat, the victory and sorrow
The smell of fear, I got it

I'll take you over, there
I'll take you over, there
Aluminum, tastes like fear
Adrenaline, it pulls us near

I'll take you over
It tastes like fear, there
I'll take you over

Pulls us near
Tastes like fear.

Nearer, nearer
Over, over, over, over
Yeah, look over
I'll take you there, oh, yeah
I'll take you there
Oh, over
I'll take you there
Over, let me
I'll take you there..
There, there, baby, yeah

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

Ottobre rosso: le celebrazioni

Si aprono le celebrazioni per il Novantesimo della Rivoluzione D'Ottobre. In esclusiva vi proponiamo alcuni filmati inediti ritrovati in archivio, ai quali ci siamo permessi di allegare questa piccola "Overture". Ci auguriamo che sia di vostro gradimento;)

PS: presto potrete vederli tutti in esclusiva su questa piattaforma.

video

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

martedì 6 novembre 2007

Addio Enzo




Non ho commenti, troppo forte é il dispiacere e la tristezza per la morte di uno dei più grandi giornalisti italiani di tutti i tempi.
Spero solo che tutti per un giorno dimentichino le faziosità e riflettano sulla scomparsa di una persona così grande.

Addio Enzo, dovrebbero essercene diecimila come te e invece sei rimasto solo. Addio.

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

sabato 3 novembre 2007

Enjoy The Silence



Words like violence
Break the silence
Come crashing in
Into my little world
Painful to me
Pierce right through me
Can't you understand
Oh my little girl

All I ever wanted
All I ever needed
Is here in my arms
Words are very unnecessary
They can only do harm

Vows are spoken
To be broken
Feelings are intense
Words are trivial
Pleasures remain
So does the pain
Words are meaningless
And forgettable

All I ever wanted
All I ever needed
Is here in my arms
Words are very unnecessary
They can only do harm

Enjoy the silence

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

mercoledì 31 ottobre 2007

Le immagini dei nostri eroi, l'epopea vista da uno di loro

Ho deciso di inaugurare a cadenze periodiche post che riprendono, o meglio, immortalano la vita quotidiana di noi universitari (e compagni di stanza) oramai trentini.

Che dire, le foto sono tutte genuine e ovviamente prese senza il consenso dei diretti interessati (sapevano quello che rischiavano a farsi fotografare da me eheheh...)

PS: perdonate gli occhi rossi, ma non ho avuto tempo di ritoccare le foto;)

PPS: i miei commenti alle foto sono volutamente... "voluti"!

Cominciamo con il tipico esempio di Universitario Politicamente Schierato che si accinge, con l'ausilio dei più Moderni Mezzi Tecnologici, a porre in essere il Sapere acquisito durante le Ore di Lezione ed edificare quindi uno Stabile Basamento di Informazioni sul quale tornare al momento dell'Esaminazione.
L'Universitario in questione frequenta l'Illustre Facoltà della Societé, avviandosi certo a diventare un Esempio Illustre e Rispettato nell'analisi delle Problematiche Sociali inerenti alle Modificazioni Temporali e Politiche di Weberiana Memoria.




Proseguiamo poi con l'Universitario che, dopo una lunga ed estenuante giornata passata dietro scomodi e graduati banchi continui assieme a centinaia di suoi simili, si accinge a salire le scale che portano ai Regi Appartamenti di Lorsignori.
Da notare l'Aria Ufficiale e il Portamento Fiero che nemmeno la stanchezza riesce a mitigare (o sarà fame?).
L'Ambiente Universitario, nella concezione di alcuni, rappresenta il luogo migliore per le giovani generazioni di mettere alla prova il loro Sentimento di Conformità e Rispetto nei confronti di un Abbigliamento Consono e Distinto verso la loro Nobile Occupazione.
L'Universitario in questione, nonché Cancellarius di questo Spazio Condivisorio, frequenta l'Antica ed Esimia facoltà delle Lettere, nell'ambito dello Studio della Storia della Storiografia e della Storia come Scienza Sociale e Sociologia (SSSSSS), Facoltà avviante il Ricertato e sempre Indispensabile compito dell'Erudizione delle Giovani Menti all'interno di un Istituto di Istruzione.




Concludiamo infine la prima tranche con l'immagine dell'Universitario durante un Momento di Rilassamento precedente alla consumazione del Meritato Pasto Serale. L'universitario sta sdraiato con la Nobile Posa tipica dei Dignitari Romani e, pur colto nel Momento dell'Assopimento dei Sensi, non tarda ad assumere un'espressione consona alla Natura dell'Attimo in cui la sua immagine viene proiettata ai posteri.
Il soggetto in questione frequenta la Nobile Facoltà dei Legiferi e diventerà senz'altro un altro esempio di Encomiabile Dedizione e Totale Immedesimazione nello svolgimento della sua Futura Pubblica Funzione Giuridica.




Tutte le immagini sono di proprietà dei soggetti, nello specifico:
Ill.mo dott. ricerc. Giovanni Cadioli
Ill.mo dott. prof. Silvio Carnassale
Ill.mo avvocato pubblico ministero Michele Carlotti


Cosa ne dite? Se avrà successo continuerò con le prossime puntate;)

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves

domenica 28 ottobre 2007

The flight


Stray cats in a mad dog city
9 ways to sorrow
A moment's all it takes to say goodbye
I'm waiting
Wild cats in a sad dog story
9 roads to follow
A moment's all it takes to say goodbye
For all the days before us - for love
For all the pain you've got
Say you won't - say you won't give up
Love comes - and gives you that feeling
You're suddenly dreaming
Of a brand new day
Cause when love comes - the world has new meaning
And everything's gleaming
Like the downtown lights
Stray cats in a mad dog city
9 lives to borrow
A moment's all it takes to say goodbye
I'm waiting
Lost cats in a dead end story
9 lines that echo
A moment's all it takes to say goodbye
For all the days before us - for love
For all the pain you've got
Say you won't - say you won't give up
Love comes - and gives you that feeling
You're suddenly dreaming
Of a brand new day
Cause when love comes - the world has new meaning
And everything's gleaming
Like the downtown lights
Siamo caduti in volo, mio cielo
Siamo caduti in volo
Baby don't cry, baby don't cry
Baby don't cry, baby don't cry, baby don't cry
They're gonna paint this town - for us
Turn it upside down
Say you won't - say you won't give up
Sogno, qualcosa di buono
Che mi illumini il mondo
Buono come te...
Cause when love comes - the world has new meaning
And everything's gleaming
Like the downtown lights
Cause when love comes - the world has new meaning
You're suddenly dreaming
Of a brand new day

Read More...... DiggIt!Add to del.icio.usAdd to Technorati Faves